mercoledì 24 ottobre 2012

Valvola di ritegno acqua, problemi e soluzioni

La valvola di ritegno o di non ritorno permette il flusso di un fluido in una sola direzione, si parla di fluido e non di liquido in quanto le valvole di ritegno sono progettate per permettere il passaggio unidirezionale sia per i liquidi che per i gas, i campi di applicazione sono diversi e le caratteristiche costruttive vengono studiate in virtù delle necessità.

La più comune valvola di non ritorno per impianti idraulici è costituita da una sfera ed una molla, il passaggio dell'acqua è garantito in un solo verso, quando la pressione dell'acqua segue il verso della freccia sulla valvola il flusso del liquido è continuo mentre quando la pressione viene bilanciata dall'acqua proveniente dal verso opposto la molla esercita una forza spingendo la sfera a chiudere la valvola.


La valvola di ritegno si installa per evitare che il fluido percorra il senso inverso a quello desiderato, negli impianti idraulici si monta subito dopo un autoclave per evitare che l'acqua che si trova nelle utenze servite torni indietro nel serbatoio di accumulo, negli impianti civili ed industriali si trova già una valvola di non ritorno a valle ed è del tipo a Clapet o a battente.

La valvola di ritegno a Clapet o a battente garantisce che l'acqua transiti in un solo verso ma ciò potrebbe essere vero solo quando la valvola è nuova, gli anelli di tenuta O-rings essendo in materiale plastico possono usurarsi e la valvola rimanere permanentemente aperta a causa della presenza di corpi estranei, in tal caso è necessario sostituire tutti gli anelli di tenuta presente nella valvola.


Per evitare che una valvola a battente o Clapet perda di efficienza è necessario verificare il suo stato periodicamente, a causa della presenza di corpi estranei nelle condutture idriche e della formazione di composti organici sarebbe opportuna la presenza di un filtro per valvole di ritegno o che la valvola di ritegno sia ispezionabile, in entrambi i casi è necessario prevedere una chiusura prima della valvola.

L'istallazione di una valvola di ritegno a sfera e molla negli impianti idrici domestici subito dopo un autoclave non garantisce sempre che l'acqua non torni indietro, infatti proprio come qualsiasi altra valvola di non ritorno possono usurarsi le parti interne, la valvola di ritegno bloccata è cosa comune negli impianti con bassa manutenzione, la sfera e la sua sede si logora nel tempo e la valvola deve essere sostituita.

Richiedere una valvola di ritegno per evitare il colpo d'ariete nell'impianto è cosa comune ma la stessa non svolge questo principio, per evitare il colpo d'ariete ci sono diversi altri metodi, uno è quello di installare una cassa d'aria subito dopo la valvola di non ritorno, un serbatoio con aria compressa ed acqua protegge la condotta di mandata dal colpo d'ariete, l'arresto della pompa non diminuisce la pressione nelle condutture per l'aria compressa che provvede a sopperire inviando acqua nell'impianto, le attenuazioni svolgono benefici sia per le sovrappressioni che per le sottopressioni.

Le valvole di ritegno si trovano un po' ovunque e l'impianto domestico è solo quello più discusso, i boiler dell'acqua calda possiedono una valvola di ritegno che deve essere sostituita quando in disuso, per accorgersi del cattivo funzionamento basta toccare con le mani il flessibile dell'acqua fredda, essendo posizionata in ingresso se il tubo risultasse caldo ciò significa che l'acqua sta percorrendo il circuito nel verso opposto, ci si accorge di questo anche aprendo il rubinetto dell'acqua fredda del lavandino.

Come esiste la valvola di ritegno del boiler esiste anche la valvola di ritegno dell'impianto di riscaldamento, il principio di funzionamento è il medesimo ma controllare che non funzioni più bene è più difficile non potendo toccare flessibili di alcun genere, le valvole di ritegno degli impianti di riscaldamento si usurano anche a causa del calcare che depositandosi sulle pareti della valvola nei casi più estremi impedisce la chiusura della stessa.

La presenza di una valvola di ritegno nell'impianto di riscaldamento è una condizione solo necessaria ma non sufficiente, infatti per un corretto funzionamento dell'impianto di riscaldamento è necessario installare anche un disconnettore termico, ciò evita la possibile contaminazione dell'acqua potabile a causa della perdita della valvola di non ritorno.


12 commenti:

  1. bravo
    serve a chiarire le idee soprattutto a utenti che vogliono fare impianti a risparmio (ed evitano di installare valvole - o riduttori di pressione) e a causa del risparmio iniziale hanno guai seri in casa, poi.

    RispondiElimina
  2. Interessante articolo! Ora mi e tutto piu chiaro. Mi e capitato questo problema con uno scarico doppio lavatrice/lavastoviglie. Infatti la lavastoviglie si e rotta. Quindi il consiglio e di controllare/cambiare ogni tot anni,giusto? Ciao!!!

    RispondiElimina
  3. Mi pare di vedere sul web che esistono dei modelli di valvola di ritegno a bassa pressione e farebbero al mio caso . Ho serbatoio che anche quando pieno la pressione presente non fa aprire la valvola, credo con questo altro modello potrei risolvere?

    RispondiElimina
  4. se su un utenza non è installato un contatore cosa succede alla rete idrica su cui è allacciata l'utenza

    RispondiElimina
  5. Giuliano di Pesaro11 ottobre 2017 21:19

    La valvola di ritegno posizionata all'ingresso dell'acqua calda in un appartamento, potrebbe favorire nel tempo la presenza di legionella all'interno delle tubazioni dell'appartamento ???

    RispondiElimina
  6. Buongiorno. Scusate la mia assoluta ignoranza in materia. Ho un problema leggermente diferente da quelli elencati. Ho una caldaia nuova a condensazione che fa per partire ogni volta che la lavatrice fa la pesa del bucato o quando da altri appartamenti si scarica l'acqua dei sanitari (provvisti di rapido). Sembra sostanzialmente che la caldaia sia soggetta alla pressione nell'acqua di mandata. Pensavo che una valvola di non ritorno con una determinata taratura potesse evitarmi questo problema. Ha senso? Grazie e buona giornata a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano fenomeno. Comunque la caldaia dovrebbe avere già una valvola di non ritorno. Penso sia meglio chiamare un tecnico.

      Elimina
  7. Buona sera, ho un impianto di raccolta acqua piovana che finisce in un pozzo di circa 3 metri, nel quale ho sistemato una pompa sommersa. Questa pompa serve per recuperare tale acqua e depositarla in una cisterna.
    Le chiederei un consiglio, subito all'uscita della pompa sommersa ho messo una valvola di ritegno a sportellino (in ottone) del diametro di 40mm. Questa sovente, credo si "incanti" e, dopo pochi secondi dallo spegnimento della pompa, si sente un colpo secco e parecchio forte. Sicuramente è lo sportellino della valvola, che conseguentemente al passaggio inverso dell'acqua, per caduta, si richiude. Ma questo dovrebbe avvenire contestualmente allo stacco della pompa ed in maniera fluida. Secondo lei potrebbe essere un difetto della valvola? Come potrei eliminare questo problema? Le faccio presente che la valvola è nuova, sostituita autunno 2017.
    La ringrazio in anticipo per il suo aiuto.
    Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che si chiuda, ma comunque l'acqua non passerebbe dalla pompa, difficile dare una spiegazione con poche informazioni.

      Elimina