martedì 7 maggio 2013

Rimozione antigraffio dalle lenti

Rimuovere l'antigraffio dalle lenti degli occhiali è possibile solo avendo a disposizione attrezzature adatte ed una certa praticità con la manipolazione delle lenti, il procedimento non è complesso ma di difficile esecuzione se non si è del settore.

Vasca ad ultrasuoni riscaldata per la rimozione dell'antigraffio

L'antigraffio innanzitutto è lo strato che si deposita sulle lenti organiche per evitare che si graffino pulendole e che permette l'adesione dell'antiriflesso, le lenti minerali non ne hanno bisogno perché non si graffiano.

Con la rimozione dell'antiriflesso si rischia di rimuovere anche l'antigraffio ed è quindi opportuno cercare di non lasciare troppo tempo la lente nel detrattamento antiriflesso, per togliere l'antigraffio dalle lenti organiche è necessario una vasca riscaldata ad ultrasuoni e della soda.

Rimuovere l'antigraffio sulle lenti che si possiedono è impossibile con il fai da te, quando sulla lente cominciano a notarsi dei graffi che non vanno via con la normale pulizia allora è cominciato il distacco dell'antigraffio.

Dopo due o più anni comincia a distaccarsi lo strato antigraffio dalla lente, ciò è dovuto a diversi fattori; lasciare gli occhiali al sole sul cruscotto della macchina in estate velocizza il distacco, bagnare con il sudore le lenti e non asciugarle e un altro modo per correre prima dall'ottico.

La rimozione dell'antigraffio dalle lenti organiche non è consigliabile, se si tratta di un indice 1,498 allora la rimozione non comporta alcun problema ma rimuovere l'antigraffio sul medio ed alto indice serve solo a rendere la lente limpida per qualche giorno.

Gli indici organici superiori all'1,498 sono sensibili ai graffi perché più duri e di miscela polimerica diversa, andare dall'ottico chiedendo di togliere l'antigraffio su lenti 1,6 ad esempio è inutile; una volta che si comincia a pulire la lente senza protezione antigraffio si cominceranno a notare piccoli graffi che non si potranno più togliere.

Il modo per togliere l'antigraffio dalle lente oftalmiche comunque c'è e lo si effettua solitamente in aziende che producono e trattano queste lenti; il processo di rimozione antigraffio è abbastanza semplice ma è necessaria attrezzatura e una certa professionalità.

Come detto precedentemente la rimozione dell'antigraffio sulle lenti si effettua con un'immersione delle stesse in un bagno termostatico ad ultrasuoni al cui interno si trova acqua demineralizzata e soda.

Una volta eseguita la miscela di acqua e soda nelle giuste proporzioni è necessario accendere il bagno termostatico e portarlo in temperatura, una volta che la soda si è sciolta è necessario effettuare un ciclo di degasaggio del liquido attivando gli ultrasuoni per almeno 45 minuti.

Una volta pronti ad immergere le lenti da detrattare è necessario impostare gli ultrasuoni ad una frequenza idonea, la frequenza di oscillazione del trasduttore piezoelettrico si imposta in relazione alla pulizia richiesta.

Le onde di compressione cavitazione permettono la rimozione della laccatura delle lenti in concomitanza all'aggressione della soda e della temperatura del bagno, frequenze alte permettono la rimozione di particelle piccole e frequenze basse la rimozione di particelle grandi.

L'immersione della lente deve essere effettuata con un apposito portalente che dovrà lavorare nella giusta posizione, inclinazione scorretta non permetterà la totale rimozione dell'antigraffio.

Dopo un tempo compreso tra i 5 ed i 7 minuti la lente deve essere tirata fuori e pulita con alcol isopropilico denaturato e carta di cellulosa pura, se rimangono tracce di lacca si può immergere la lente per qualche altro minuto.

I problemi dovuti al detrattamento delle lenti organiche possono essere molti, la lente ad esempio può presentare la classica buccia d'arancia al centro causata dall'alta temperatura del bagno o perdere la proprietà di trasparenza per un problema di aging; il rischio di detrattare una lente organica è sempre a carico del cliente e sarà il tecnico a dare l'ultimo giudizio se eseguirlo o no.

Il bagno caustico di cui necessita la lente per essere detrattata non è costoso di per se, ciò che è costoso è la vasca ad ultrasuoni; la spesa dell'attrezzatura viene ammortizzata solo da chi sfrutta questo servizio in un'azienda ottica.

Lo sversamento del contenuto del bagno termostatico non è consentito se non in un sistema di depurazione, la grande aggressività del prodotto esausto deve essere trattato come da legislazione in vigore ed è necessario consegnare il prodotto esausto alle ditte che effettuano lo smaltimento fornendo il codice CER.

Nessun commento:

Posta un commento